M┌SICA ITALIANA

ALGUNS V═DEOS SELECIONADOS

Laura Pausini e Lara Fabian -  La Solitudine 
Live in Rome

LETRA

Marco se n'Ŕ andato e non ritorna pi¨ 
Il treno delle 7:30 senza lui 
╚ un cuore di metallo senza l'anima 
Nel freddo del mattino grigio di cittÓ 
A scuola il banco Ŕ vuoto, Marco Ŕ dentro me 
╚ dolce il suo respiro fra i pensieri miei 
Distanze enormi sembrano dividerci 
Ma il cuore batte forte dentro me 
ChissÓ se tu mi penserai 
Se con i tuoi non parli mai 
Se ti nascondi come me 
Sfuggi gli sguardi e te ne stai 
Rinchiuso in camera e non vuoi mangiare 
Stringi forte al te il cuscino 
Piangi non lo sai 
Quanto altro male ti farÓ la solitudine 
Marco nel mio diario ho una fotografia 
Hai gli occhi di bambino un poco timido 
La stringo forte al cuore e sento che ci sei 
Fra i compiti d'inglese e matematica 
Tuo padre e suoi consigli che monotonia 
Lui col suo lavoro ti ha portato via 
Di certo il tuo parere non l'ha chiesto mai 
Ha detto un giorno tu mi capirai 
ChissÓ se tu mi penserai 
Se con gli amici parlerai 
Per non soffrire pi¨ per me 
Ma non Ŕ facile lo sai 
A scuola non ne posso pi¨ 
E i pomeriggi senza te 
Studiare Ŕ inutile tutte le idee 
Si affollano su te 
Non Ŕ possibile dividere 
La vita di noi due 
Ti prego aspettami amore mio 
Ma illuderti non so 
La solitudine fra noi 
Questo silenzio dentro me 
╚ l'inquietudine di vivere 
La vita senza te 
Ti prego aspettami perchÚ 
Non posso stare senza te 
Non Ŕ possibile dividere 
La storia di noi due 
Fonte

 
Lara Fabian - Caruso (most powerful performance)

LETRA

Qui dove il mare luccica 
e tira forte il vento 
su una vecchia terrazza 
davanti al golfo di Surriento 
Un uomo abbraccia una ragazza 
dopo che aveva pianto 
poi si schiarisce la voce 
e ricomincia il canto 

Te voglio bene assaie 
ma tanto tanto bene sai 
e' una catena ormai 
che scioglie il sangue 
dint'e vene sai 

Vide le luci in mezzo al mare 
penso' alle notti la' in America 
ma erano solo le lampare 
e la bianca scia di una elica 
senti' il dono nella musica 
si alzo' dal pianoforte 
ma quando vide la luna 
uscire da una nuvola 
gli sembro' dolce anche la morte 
guardo' negli occhi la ragazza 
quegli occhi verdi come il mare 
poi all'improvviso 
usci' una lacrima 
e lui credette di affogare 

Te voglio bene assaie 
ma tanto tanto bene sai 
e' una catena ormai 
che scioglie il sangue 
dint'e vene sai 

Potenza della lirica 
dove ogni dramma e' un falso 
che con un po' di trucco 
e con la mimica 
puoi diventare un altro 
ma due occhi che ti guardano 
cosi' vicini e veri 
ti fan scordare le parole 
confondono i pensieri 
cosi' diventa tutto piccolo 
anche le notti la' in America 
ti volti e vedi la tua vita 
come la scia di un'elica 
ma si e' la vita che finisce 
ma lui non ci penso' poi tanto 
anzi si sentiva gia' felice 
e ricomincio' il suo canto 

Te voglio bene assaie 
ma tanto tanto bene sai 
e' una catena ormai 
che scioglie il sangue 
dint'e vene sai 
Te voglio bene assaie 
ma tanto tanto bene sai 
e' una catena ormai 
che scioglie il sangue 
dint'e vene 
dint'e vene sai


 

VERDI - NABUCCO - VA PENSIERO


   


CINEMA PARADISO
(CENA FINAL ANTOLËGICA, INESQUEC═VEL)


 


 

Pietro Mascagni: Cavalleria rusticana - Intermezzo